Coinqui

                 NEL BILOCALINO è ARDUO STUDIARE

Starò nella mia terra, la prossima settimana. Studiare nel bilocalino è impossibile. Ci ho provato più volte…

Un giorno, dopo le lezioni, sono rientrata presto, sapendo che la casa sarebbe stata per qualche ora a mia completa disposizione. Ho aperto libri e quaderni sul bianco tavolo della cucina, e ho iniziato a sottolineare, cancellare, memorizzare. Poco dopo una chiave stava girando nella serratura, e da oltre la porta trapelava un miscuglio sonoro di uè uè e risate: erano tornate lei e la sua amica del cuore.

 

“Dovete ancora pranzare?”, ho chiesto con la gentilezza che mi contraddistingue, “Se volete vi libero il tavolo”.

Hanno rifiutato la mia proposta poiché già sazie e, non ricambiando la mia cortese preoccupazione nei loro confronti, si sono svaccate sulle altre sedie e hanno acceso al volume massimo il televisore. Io, nel mio angolino, perseveravo a leggere e sottolineare. Non che a una soltanto delle due teledipendenti sia passato per la testa il dubbio che avrebbero potuto disturbare i miei studi!

È forse inutile stare a specificarlo, ma considerando che codesto siparietto si stava svolgendo nel primo pomeriggio, la tv era stata sintonizzata su Canale 5: sullo schermo, soap operas de noantri e De Filippi in versione ‘caccia-al-maschio’ e ‘pseudoscuola per pseudoartisti’.

Le italiche soap operas consistevano in un susseguirsi di dialoghi campo-controcampo tra uomini inespressivi e donne dal raffinato make-up carnevalesco perennemente sul punto di piangere, rivelarsi verità indicibili e sconvolgenti e/o minacciare di ricattarsi.

La De Filippi versione ‘caccia-al-maschio’ stava indirizzando una giovane (il cui viso era stato martoriato da sadiche estetiste) verso la scelta del pretendente a lei più adatto; poteva scegliere tra un tizio lampadato, palestrato, con le sopracciglia depilate, i denti sbiancati, senza cervello, vestito da imbecille, un altro tizio lampadato, palestrato, con le sopracciglia depilate, i denti sbiancati, senza cervello, vestito da imbecille e antipatico, e un ultimo tizio lampadato, palestrato, con le sopracciglia depilate, i denti sbiancati, senza cervello, vestito da imbecille e con una chitarra in mano. L’amica del cuore si è perdutamente innamorata di quest’ultimo, ovvio.

La De Filippi versione ‘pseudoscuola per pseudoartisti’ non sono riuscita a seguirla, credo che il vomito trattenuto fino a quel momento mi stesse ostruendo i padiglioni auricolari e offuscando i bulbi oculari.

Stavo con la testa china sui libri per dar loro l’impressione di stare studiando con immane concentrazione e mi tenevo le mani strette su tempie ed orecchie simulando disturbo, nella speranza di stimolare in loro un qualche senso di colpa o rimorso o slancio di educazione; in realtà stavo spiando con discrezione Canale 5 (che in quella fascia oraria non vedevo da anni), e registravo mnemonicamente i commenti delle due donne medie. “A me ‘sta qua nun me piace”, “Io questo lo eliminerei solo per come ha risposto”, “Ahò, io ho dei valori, ma ‘sta qua nun ne tiene proprio!”, dicevano al televisore tentando di superarlo in decibel.

Per amore della ricerca sociolinguistica, ritengo opportuno diffondere una mia rilevazione; la donna media, una volta raggiunto il massimo dell’indignazione di fronte a comportamenti dei personaggi televisivi*, la esterna con un “Cioè!”. Un cioè esclamativo. Un cioè che non esplica. Un cioè degrammaticalizzato. Potrebbe mettersi a urlare “Quindi!” o “Poiché!”.

Checccazzo di significato ha quel “Cioè!”??

Mi indigno davanti a questi obbrobri, cioè!

*l’indignazione della donna media è indifferentemente suscitata dagli atteggiamenti dei personaggi della soap operas che da quelli ospiti dalla signora De Filippi. Posto che i secondi siano presunti essere ‘persone-vere’, individui non-recitanti ma esternanti reali e spontanee reazioni e comportamenti, io non mi giustifico come due ventunenni possano non avere ancora coscienza del ‘patto narrativo’ e della ‘sospensione di credulità’ che, superati i dieci anni di età, dovrebbero risultare scontati nell’approcciarsi a prodotti finzionali come libri, film o soap operas… E mi domando come possano stupirsi, arrabbiarsi e indignarsi di fronte a quelle stupidate come fossero problemi tangibili.

Annunci

16 pensieri su “Coinqui

  1. Ciao (hey phoebe, tesoro, ciao occhiblu, che ci fai qui? 😀 hem, scusate), sono arrivata qui da qualche blog che ti ha consigliato (ovviamente sono distratta e non ricordo quale). Beh, aveva ragione! 😉

  2. devo comunicarti una cosa:la tua inquilina mi sta simpatica.Chissà forse il merito è tuo..alle volte sei così cattiva e perfida che viene quasi un moto di tenerezza nei confronti di questa terroncella -donna media costretta ad abitare con te che passi a setaccio pure i suoi starnuti.
    KMQ il tuo blog è davvero divertente!

  3. Cara Sssssilvia, non l’hai fatto il corso della Mazzocut di quest’anno sul Kitsh? In casa tua c’è dell’ottimo materiale per sfornare esempi! Un sorriso, Amelie

  4. No, il corso della Mazzocut l’ho seguito al primo anno, e al kitsch aveva soltanto accennato… Se l’avessi saputo avrei preparato la tesina sull’argomento con un’indagine sul campo! 😉
    (non è che passo al setaccio pure i suoi starnuti… beh, insomma… la analizzo e seziono soltanto come una cavietta da laboratorio!)
    Studio comunicazione, why?

  5. Cara Sil, non dovresti dire che sezioni la tua povera coinquilina come una cavietta! Non sta bene! Piuttosto portala in un laboratorio attrezzato per le cure alla sua specie! Lei risulta in effetti disgustosamente simpatica!! Kiss. Big Puppet

  6. Infatti….dal vivo non è simpatica, anzi piuttosto anonima e scialbina. Ma nella tua narrazione è un personaggio così terribilmente e surrealmente patetico che il lettore è costretto a ridere ed esclamare “Non è vero, non può esistere!”. BP

  7. consiglio:
    se tu risulti talmente cinica,spietata da esaminarla come una cavietta,
    è naturale che il lettore senzibbile(ho problemi con le doppie come la tua inquilina!)finisca per trovarla simpatica.Usa un pò di pietà e comprensione per questa sciampistascialbina e zoticona…
    almeno tu guadegnerai in umanità!!!!!
    naturalmente scherzo!!!!!
    complimenti per il tuo blog!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...