Bookcrossing

Ieri, su un treno deserto, ho trovato un libro. Abbandonato sul sedile. L’ho osservato, analizzato, spostato servendomi di un giornale. La prudenza non è mai troppa.

Il libro non aveva una cavità in cui fossero riposti esposivi, sfogliandolo non si propagavano polveri sospette, le pagine non erano impregnate di liquidi organici ancora appiccicosi.

Ho raccolto il libro e me lo sono portata appresso. Sulla prima pagina c’era un numero di telefono: che fosse bookcrossing? Ho cominciato a leggere.

Poi, presa dalla curiosità, ho inviato un sms. Nessuna risposta.

Annunci

3 pensieri su “Bookcrossing

  1. Com ‘era il libro? L avevo visto ed ero tentato ,la copertina mi aveva colpito.Ma poi per paura dell ennesima fregatura ho desistito dal comprarlo.La tua descrizione mi ha fatto sorridere parecchio.ciao

  2. Era così così… Spesso si perdeva il filo, colpi di scena e venti salienti davvero pochi, e la loro rarità non era compensata da altri tipi di genialità narrativa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...