Koinquilinen

Presso le popolazioni primitive la femmina formosa è sempre stata considerata portatrice di fertilità, simbolo dell’abbondanza e, dunque, concreto segno del buon stato di salute della comunità di appartenenza.*

Nella civiltà lombarda contemporanea, Viola Scintilla assolve funzioni analoghe a quelle delle veneri primitive, spargendo fertilità nei grembi in cui si imbatte: così fu per la Koinquilinen (che ora dovrebbe aver raggiunto codesta forma e dimensioni), per le impiegatine dirimpettaie del vecchio lavoro e, ora, per la nuova colleghina, ripiena come un panzerotto in lievitazione.

Ha la nausea, Viola Scintilla.

* Attenzione: l’autrice del post non ha mai studiato antropologia. Le sue affermazioni non hanno fondamento scientifico.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...