Cioccolato

Come giustificare al mondo e alla propria coscienza le nefandezze iperglicemiche compiute per celebrare la Sacra Giornata del Cioccolato? Semplicissimo: edificandovi sopra un costrutto teorico dalle pretese psicoscientifiche. Si analizzeranno dunque, nei seguenti paragrafi, le basi che sorreggono l’umana attrazione per gli alimenti al cacao.

L’avventarsi sul cioccolato è mosso da varie motivazioni e produce diverse gratificazioni attraverso una serie di sensazioni tattili/gustative che si esplicano in differenti contesti.

Le principali motivazioni che spingono al consumo del cioccolato tendono a concentrarsi sui due due poli dell’autoconsolazione e dell’autogratificazione, e sfumano via via su ragioni quali la ricerca dell’energia fisica e mentale, la ricerca affettiva, la sublimazione della propria vita sessuale, lo sfogo degli stati ansiosi e l’imminente arrivo del ciclo mestruale.

Le gratificazioni prodotte dal consumo di cacao e derivati potrebbero coincidere con la soddifazione delle motivazioni appena enunciate ma, per una trattazione esaustiva, esse necessitano di essere ricondotte alle sensazioni tattili/gustative prodotte dall’inglobare il cioccolato nel proprio corpo (generalmente tramite la bocca, ma ognuno ha le proprie abitudini). La sensazione tattile/gustativa completa si compone della successione ordinata dei seguenti elementi: il profumo del prodotto; il sapore e la percezione ‘tattile’ della superficie dell’alimento su labbra, lingua e palato; la sua consistenza/resistenza al morso e alla masticazione; il sapore e percezione ‘tattile’ del suo ripieno e/o interno; la sua consistenza una volta masticato o fusosi; l’effetto che produce al momento in cui viene ingoiato; il suo retrogusto. Considerate le motivazioni e gli elementi propri della sensazione tattile/gustativa, la gratificazione deriva dalla loro sovrapposizione: la scioglievolezza dell’alimento appaga le carenze affettive, la resistenza al morso e alla masticazione seda gli stati ansiosi, e così via.

A ciò, ovviamente, bisogna aggiungere il contesto entro cui avviene il consumo del cioccolato, che ben si distingue dalla motivazione. Consideriamo un esempio del tutto casuale: Viola Scintilla dispone del cioccolato di tre eccellenti uova di Pasqua, ma opta per strappare e ingollare il mediocre rivestimento di una colomba al cacao. Perché? Perché il cioccolato rubato è sempre il migliore (in questo caso, il furto è il contesto).

Una volta individuati e classificati tutti gli elementi che, nelle quattro categorie illustrate, guidano le individuali fruizioni del cioccolato, le aziende produttrici di cioccolato potranno rilevare l’esistenza di nuovi target a cui rivolgere sofisticatissimi prodotti, mentre il consumatore chocoholic potrà giungere alla piena consapevolezza delle proprie devianze, ed evitare così di affrontarle in maniera risolutiva, godendo per l’eternità di brufoli, carie e cellulite.

Annunci

20 pensieri su “Cioccolato

  1. A leggere questo post sono ingrassato 2 chili e ho ideato qualche contesto (che può anche essere la motivazione) interessante in più..
    Muxslurp, D. : )

  2. Teobromina. Si chiama così… è quella roba che c’è nel cioccolato e che provoca assuefazione. La scienza ti offre sempre una molecola a cui dare la colpa.

  3. adoro questo tuo studio, rigoroso nella sua scientificità… soprattutto perchè adesso posso sembrare colta e intellettuale citandoti continuando a strafogarmi di quella cosa che per me è l’ORO MARRONE!!!
    =) Vlr

  4. Cita la teobromina, mi raccomando!
    Oggi in metropolitana ho fatto lo stesso studio sul bacio (non quello di cioccolato, quello con la lingua) ma non ho cavato nulla di così rilevante da poter mutare le sorti dell’umanità…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...