Feng Shui? No no no. Arrediamo casa sulla base delle nostre paranoie.

Cari amici,
la prima notizia è che Viola Scintilla ha comprato casa: sarà felice e indebitata per il resto dei suoi giorni – ma che non si sappia in giro, preferisce essere considerata un buon partito. L’acquisto consiste in un bilocale dalle finiture di pregio locato a poche centinaia di metri dalle Mura Spagnole in una via in cui solo nome evoca scenari di povertà e disperazione. Esso è bellissimo e financo dotato di un delizioso balconcino di ringhiera ove la precedente proprietaria teneva un cane e ove la nuova inquilina amerebbe far crescere rigogliosa verzura, preferibilmente rampicante, sebbene la sua ultima esperienza di giardinaggio risalga a quella volta in cui uccise una piantina di basilico in sole 48 ore.

Ma non divaghiamo: la seconda notizia, cari amici, è che Viola Scintilla non crede al Feng Shui e che quindi non si è basata su questa antica arte geomantica taoista per arredare il suo appartamento (acquistato già arredato, ad essere sinceri). Il citerio è stato un altro: ancora non ha un nome ma è caratterizzato da sicura e inoppugnabile fondatezza scientifica. Consiste nell’allestire mobilia e complementi d’arredo al fine di ridurre del 99,9% le possibilità di delitti citazionisti all’interno di casa Scintilla. La giovane Violetta ha infatti trascorso buona parte dell’infazia e dell’adolescenza di fronte a schermi su cui scorrevano film di paura, categoria che spaziava dai gialli tedeschi passati dalla tv di Stato il sabato sera ai classici dell’horror trasmessi da Italia 1 nelle notti d’estate fino ai capolavori di Hitchcock visti e rivisti in vhs e dvd. Tra un film e l’altro, Viola Scintilla leggeva Stephen King. Inutile specificare quanto tale esperienza la abbia segnata.

La disciplina fondata da Viola Scintilla, saldamente ancorata all’interior design e purtuttavia basata principalmente sui tòpoi del terrore, si articola quindi di alcune nozioni fondamentali che verranno qui brevemente illustrate per consentire ai più sensibili e intelligenti di diventare seguaci del credo:

Lo spazio tra la finestra e la tenda deve sempre essere inferiore a quello necessario affinché un essere umano malintenzionato vi si possa nascondere senza essere subitaneamente individuato.

– Si ritiene prudente eliminare quante più scale possibili: niente piani superiori, niente soffitte, niente scantinati. Gli assassini adorano spingere le vittime giù dalle scale; in fondo alle scale male illuminate si annidano  spesso mostri; e le scale sono amate dalle bambine indemoniate ed esibizioniste che vomitano sangue o roba verde.

– É sconsigliato dipingere di bianco le porte, soprattutto quelle dei bagni: le porte bianche attirano spesso l’attenzione di psicopatici muniti di asce. E niente corridoi, per nessun motivo. I corridoi non servono.

– Occorre fissare con particolare cautela eventuali suppellettili che si scelga di affiggere sopra la testiera del letto. Se essi vibrano nel cuore della notte, Un due tre: Freddy sta arrivando da te.

– Chiudere sempre le finestre durante la notte. Se aperte, i vampiri le interpretano come un cortese invito ad entrare e a suggere sangue dal collo dei dormienti. Un condizionatore può ovviare a questo rischio tipicamente estivo.

– Niente ceppi di coltelli in bella vista. Niente forbici sullo scrittoio, soprattutto se siete sposate con un uomo meno abbiente di voi.

– Niente tv, niente videoregistratori nemmeno se vintage. I televisori sono molto pericolosi perché dai loro schermi possono fuoriuscire bambine morte che generalmente albergano nei pozzi. Se proprio dovete collocare una tv nella vostra abitazione, ponetela molto in alto (chessò, appesa a uno di quei bracci semovibili) in modo che le bambine morte che tentino di sgusciarne fuori facciano almeno un po’ di rumore quando cadono sul vostro pavimento.

– Niente angoli ciechi: meglio abbondare con gli specchi, tornano utili anche per individuare eventuali ospiti che non vi si riflettono e cui conviene senza indugio piantare nel cuore il paletto di frassino che siete soliti conservare nel cassetto delle posate.

– Niente vasca da bagno, troppo vapore rende gli specchi superfici ottimali su cui tracciare neri presagi e minacce. Niente doccia con la tenda. Ma, nell’impossibilità di tener fede a questi due dettami, la soluzione è una sola: vasca da bagno uso doccia con tenda trasparente affinché al docciante sia consentito scorgere la sagoma dell’eventuale omicida in avvicinamento.

Don’t answer the phone.

And, whatever you do, don’t fall asleep.

Annunci

Un pensiero su “Feng Shui? No no no. Arrediamo casa sulla base delle nostre paranoie.

  1. Pingback: Viola Scintilla ha sempre desiderato un animaletto domestico ma ora che ne ha addirittura uno sciame, ditele: come si sterminano le tarme? « V i o l a S c i n t i l l a

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...